CRETIFICAZIONI ISO

Cosa significa certificazione (ISO)?

La certificazione ISO è un’attestazione rilasciata da un ente terzo indipendente e accreditato (OdC) che comprova la rispondenza di un prodotto o servizio ai requisiti specificati dalle norme volontarie e/o obbligatorie.

Contattaci

Le certificazioni possono essere obbligatorie, regolamentate o volontarie.
La certificazione volontaria, oltre al prodotto/servizio, può riguardare il personale, il Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ), il Sistema di Gestione Ambientale (SGA), Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (SGSL).

Chi rilascia la certificazione a specifiche norme di riferimento (ISO)?

La certificazione viene rilasciata da un Ente privato di Certificazione od Organismo di Certificazione (Odc) che ha ottenuto l’accreditamento dell’Autorità Governativa Nazionale oppure da uno degli Organismi Riconosciuti nell’ambito EA network europeo per l’accreditamento (European Accreditation).

ACCREDIA è l’Ente unico di accreditamento designato dal governo Italiano ad attestare i requisiti di competenza, indipendenza e imparzialità degli Enti privati di Certificazione od Organismi di Certificazione, ispezione e verifica. L’accreditamento conferisce ai certificati rilasciati da quest’ultimi un alto grado di affidabilità e garanzia riconosciuti a livello internazionale sulla qualità dei beni e dei servizi sottoposti a certificazione.

Che tipologie di certificazioni esistono?

La conformità a specifiche norme di riferimento per le quali è possibile rilasciare una certificazione possono riguardare prodotti/servizi, sistemi di gestione e persone fisiche ossia per determinate figure professionali.

Prodotto/Servizio:

riguarda prodotti e/o servizi conformi a norme specifiche o che rientrano in direttive comunitarie che stabiliscono i requisiti minimi per la sicurezza dei lavoratori, dei consumatori e per la tutela dell’ambiente. Alcuni esempi possono essere i prodotti agroalimentari sottoposti a marchio DOP, IGP o BIOLOGICI oppure prodotti soggetti a marcatura CE. Rientrano in questa categoria anche le opere edili, impiantistica, edifici o prodotti immateriali quali appunto i servizi.

Sistemi di gestione:

Per sistema di gestione s’intende l’insieme di processi, procedure e sistemi adottati da un Ente (siano esse aziende private o pubbliche, associazioni, etc.) per stabilire strategie e obiettivi da raggiungere con riferimento alla qualità, alla sicurezza e/o all’ambiente.

E’ uno strumento organizzativo e gestionale centrato sulla definizione, monitoraggio e valutazione dei processi che hanno impatto diretto sull’esito di un determinato servizio o bene, sulla definizione delle responsabilità, sulla predisposizione di risorse umane, strutturali e tecnologiche adeguate al fine di prevenire criticità.

  • Gestione qualità del sistema di produzione: ISO 9001
  • Gestione ambientale: ISO 14001
  • Gestione della sicurezza e salute dei lavoratori: ISO 45001:2018 (ex OHSAS 18001)
  • Etica: SA 8000

Personale (persone fisiche):

L’Organismo di Certificazione (Odc) verifica che determinate figure professionali (persone fisiche) possiedano caratteristiche di istruzione, esperienza e formazione idonee a svolgere determinate mansioni. Le mansioni tra cui è più diffusa la certificazione vi sono quelle di auditor, consulente/esperto di gestione aziendale, saldatore professionale, addetti agli impianti elettrici, addetti alla manutenzione di dispositivi antincendio.

Chi deve avere la certificazione ISO?

La certificazione ad uno o più standard internazionali è un adempimento volontario non sottoposto ad alcuna imposizione da parte di alcun soggetto.

Esistono, però, alcune eccezioni che “obbligano” alcune imprese ad avere una certificazione in relazione ai concorsi per appalti e bandi di gara pubblici.

Ad esempio, in alcune regioni italiane essere certificati secondo la norma UNI EN ISO 9001 rappresenta per le strutture sanitarie uno dei requisiti per l’ottenimento dell’accreditamento istituzionale che consente di accedere al finanziamento pubblico delle prestazioni ovvero di poter operare all’interno e per conto del SSN.

Cos’è la certificazione della serie ISO 9000

Le norme hanno un indirizzo principalmente tecnico e sono volontarie e la serie UNI EN ISO 9000 si distingue in quanto affronta temi di carattere gestionale.

Le norme della serie UNI EN ISO 9000 costituiscono il riferimento al sistema di certificazione della qualità a livello mondiale.

Sono state emanate nel 1987 dall’Organizzazione Internazionale di Standardizzazione (ISO), al fine di evitare una proliferazione di norme di settore e/o nazionali, e nel corso del tempo sono state soggette a revisione fino ad arrivare all’attuale edizione datata 2015 (ISO 9000:2015).

La serie UNI EN ISO 9000 si compone di “tre norme” che nascono come un “insieme unitario” e trattano da punti di vista differenti i principi, il governo e il miglioramento nel tempo del Sistema di Gestione Qualità.

  • UNI EN ISO 9000 descrive i fondamenti nonché la terminologia e le definizioni di riferimento ed è strutturata come un vocabolario (non certificabile).
  • UNI EN ISO 9001 specifica i requisiti dei SGQ da utilizzare ed implementare ai fini della certificazione.
  • UNI EN ISO 9004 contiene delle linee guida complementari ai requisiti della norma ISO 9001 il cui scopo è di migliorare l’efficacia e l’efficienza di un SGQ per aiutare le organizzazioni a conseguire il miglioramento continuo delle prestazioni e la soddisfazione dei clienti e delle altre parti interessate (non certificabile).

La UNI EN ISO 9000 dedica molto spazio al Sistema Gestione Qualità (SGQ) e contiene i principi sulla base dei quali dovrebbe essere strutturato un efficace SGQ e che riguardano due aree ossia le persone e la gestione.

La UNI EN ISO 9001 è indubbiamente la più “famosa” in quanto è quella “certificabile”, conseguenza questa che, nella stragrande maggioranza dei casi, induce le imprese a sottovalutare e ad ignorare le altre perché orientate più alla mera “certificazione” che non ad un riesame organizzativo.

La UNI EN ISO 9004 è di orientamento e aiuta a spiegare i requisiti della norma 9001 e a come migliorare nel tempo il Sistema di Gestione della Qualità.

Quindi perché adottare un Sistema di Gestione per la Qualità?
Beh, proviamo a rispondere a questa domanda con altre domande.
Come posso migliorare l’efficacia e l’efficienza dei miei processi aziendali e garantire prodotti che soddisfino i requisiti del cliente e quelli stabiliti da leggi, regolamenti o direttive?

Come posso aumentare la soddisfazione della clientela, monitorare i processi aziendali e ridurre difetti e sprechi di produzione?

In definitiva, un sistema di Gestione per la Qualità, ben progettato ed implementato, aiuta un’azienda a migliorare le performance della propria organizzazione, ad essere altamente reattiva, efficace ed indirizzata alla massima efficienza condizioni, queste, indispensabili per garantire il successo nel tempo di qualsiasi organizzazione.

Cos’è la norma ISO 14001

Le norme della serie ISO 14000 costituiscono, a livello internazionale, il riferimento delle buone pratiche rivolte alla protezione dell’ambiente applicabili a qualunque organizzazione a livello mondiale e la ISO 14001 fornisce gli strumenti organizzativi e gestionali che consentono di mettere sotto controllo e di migliorare gli aspetti e gli impatti ambientali della propria organizzazione.

La ISO 14001 rappresenta, quindi, lo standard per la certificazione dei Sistemi di Gestione Ambientale più diffuso a livello planetario ed i suoi contenuti sono stati recepiti integralmente come requisiti del Regolamento Europeo EMAS n. 1221/2009/CE2 nell’ambito del V programma d’azione in favore dell’ambiente adottato dalla UE.

Scopo di un sistema di gestione ambientale è quello di fornire alle organizzazioni un quadro di riferimento per un progetto di sviluppo economico equilibrato, conforme agli adempimenti normativi, sostenibile e rispettoso dei limiti ambientali e dell’integrità degli eco-sistemi nonché della loro capacità di soddisfare i bisogni futuri dei territori sui quali operano.

Le norme ISO subiscono un processo di revisione che avviene tipicamente ogni 5-10 anni così nel settembre 2015, dopo un complesso iter di rivalutazione che ha coinvolto esperti tecnici di tutti i Paesi Membri dell’ISO, è stata pubblicata la nuova versione della norma ISO 14001:2015 che rispetto alla primissima versione della norma sui Sistemi di Gestione Ambientale risalente al 1996, ha innovato significativamente i contenuti dello standard in considerazione anche dei mutamenti e delle problematiche ambientali avvenute a livello globale negli ultimi anni.

Tra le novità introdotte nella versione 2015 vi è la conformità della norma ISO 14001 alla cosidetta “High Level Structure for Management System Standards” nata per standardizzare le norme che riguardano i sistemi di gestione di diversi ambiti (ambiente, sicurezza, salute) che prevede una identica sequenza e denominazione dei punti norma e/o paragrafi e l’utilizzo della medesima terminologia.

Come avviene per altre norme ISO lo standard ISO 14001 è “certificabile” da un Organismo di Certificazione (Odc) accreditato o, in alternativa, può essere utilizzato semplicemente come linea guida per attuare e migliorare gli aspetti e la gestione ambientale. In generale, l’organizzazione che ottiene una “certificazione” ambientale ha indubbiamente una serie di vantaggi che vanno della riduzione dei costi e dei rischi connessi agli impatti ambientali, una maggiore credibilità sul mercato, agevolazioni nell’accesso ad eventuali finanziamenti pubblici nonché eventuali permessi e autorizzazioni.

Ovviamente anche per la norma ISO 14001 vige la regola dell’adesione su base “volontaria”. Tuttavia, le motivazioni che possono portare a decidere di applicare i requisiti di tale norma possono essere dettate da diversi fattori tra cui l’esigenza di avere un maggiore controllo del rispetto dei regolamenti ambientali, da richieste da parte di determinati clienti oppure come strumento di prevenzione dei reati ambientali attraverso un modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 (“Modello 231”).

Cos’è la certificazione ISO 45001:2018 (ex OHSAS 18001)

Un Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) è un sistema organizzativo aziendale su base volontaria, applicabile a tutte le organizzazioni sia pubbliche che private, finalizzato al miglioramento continuo dei livelli di salute e sicurezza sul luogo di lavoro attraverso l’adozione di efficienti politiche e piani strategici efficaci.

L’adozione di un tale sistema (SGSL) porta, quindi, a considerare le tematiche in materia di sicurezza sul lavoro come parte integrante della gestione complessiva di una organizzazione.

La norma ISO 45001:2018 rappresenta un utile strumento per l’adozione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro, un modo efficace per gestire e documentare gli adempimenti dei complessi precetti prevenzionistici.
Un aspetto che merita di essere considerato è quanto emerge dall’art. 30 del Decreto legislativo 81/2008 sulla valorizzazione dei modelli di organizzazione e di gestione della sicurezza sul lavoro.

Secondo l’art. 30 – Modelli di organizzazione e di gestione – l’adozione nonché l’efficace attuazione da parte di un’impresa di un modello di organizzazione e gestione della sicurezza sul lavoro conforme alla normativa consente l’esonero della responsabilità amministrativa di cui al d.lgs. n. 231/2001.

Implementare un SGSL costituisce un segnale inequivoco della volontà e dell’impegno organizzativo del datore di lavoro per prevenire efficacemente gli incidenti sul lavoro.

Un SGSL si pone quindi come obiettivo:

  • la riduzione dei costi derivanti da incidenti, infortuni e malattie nonché la riduzione dei costi dei premi assicurativi
  • il miglioramento dell’efficienza dei processi aziendali
  • il miglioramento continuo dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro
  • facilità nel poter produrre la documentazione richiesta dalle norme cogenti soddisfando gli obblighi legali e normativi dell’organizzazione
  • la creazione di una cultura della prevenzione non solo come mero adempimento normativo ma parte essenziale dei processi lavorativi
  • valorizzazione dell’immagine e della reputazione dell’impresa

La norma ISO 45001:2018 è, di fatto, la prima norma internazionale ISO di riferimento per il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro contrariamente agli altri standard di gestione come la ISO 9001:2015 e la 14001:2015 che hanno già visto nel corso di questi anni diverse revisioni.

Sostituirà la BS OHSAS 18001:2007 emanata dal BSI l’Organizzazione britannica di standardizzazione.

Come per gli altri standard di gestione ISO anche la ISO 45001:2018 si articola secondo il nuovo schema strutturale “High Level Structure for Management System Standards – HLS” che ovviamente faciliterà l’adozione di sistemi di gestione integrati ed è “certificabile” da un Organismo di Certificazione (Odc) accreditato.

Richiedi un Check Up Gratuito per la tua azienda.

Verificheremo che sia tutto a norma e che i tuoi dipendenti operino in tutta sicurezza. Chiamaci e risolveremo i tuoi problemi!